mercoledì 2 settembre 2009

Grazie


Pudore

Se qualcuna delle mie povere parole

ti piace
e tu me lo dici
sia pur solo con gli occhi
io mi spalanco
in un riso beato
ma tremo
come una mamma piccola giovane
che perfino arrossisce
se un passante le dice
che il suo bambino è bello.



Ho trovato queste parole su una pagina di diario di Antonia Pozzi, del 1933, ed ho avuto subito la curiosità di leggere un po' di lei.

Bionda, minuta, delicata, Antonia cresce in un ambiente colto e raffinato: il padre avvocato, già noto a Milano; la madre, educata nel Collegio Bianconi di Monza, conosce bene il francese e l’inglese e legge molto, soprattutto autori stranieri, suona il pianoforte e ama la musica classica, frequenta la Scala.
Antonia ha mani particolarmente abili al disegno e al ricamo. Il nonno Antonio è persona coltissima, storico noto e apprezzato del Pavese, amante dell’arte, versato nel disegno e nell’acquerello, a nonna, Maria, vivacissima e sensibilissima.
Alla fine degli anni 20 frequenta il liceo ed è subito affascinata dal professore di greco e latino, Antonio Maria Cervi; non dal suo aspetto fisico, ché nulla ha di appariscente, ma dalla cultura eccezionale, dalla passione con cui insegna, dalla moralità che traspare dalle sue parole e dai suoi atti, dalla dedizione con cui segue i suoi allievi, per i quali non risparmia tempo ed ai quali elargisce libri perché possano ampliare e approfondire la loro cultura.
Antonia se ne innamora e scrive versi d'amore per lui, struggendosi in una passione contrastata dalla famiglia benpensante, che costringerà il Cervi ad abbandonarla.
Antonia continuerà a sopravvivere studiando, insegnando, viaggiando, illudendo il suo cuore di una guarigione ed un oblio che mai sopraggiunsero.
Troverà la pace solo con il suicidio, nel 1938.



Triste orto abbandonato l’anima
si cinge di selvaggi siepi
di amori:
morire è questo
ricoprirsi di rovi
nati in noi

altre sue poesie qui





19 commenti:

  1. Grazie per questi versi, per questo racconto di vita.
    Antonia Pozzi ha saputo descrivere il pudore con immagini estremamente calzanti: "io mi spalanco" trovo sia bellissima.

    RispondiElimina
  2. Acilia, lo trovo anch'io meraviglioso.
    avevo fatto un'altro disegno con un sorriso "spalancato" ma non so dirti poi perchè non mi è piaciuto. non rendeva bene tanto quanto le sue parole...

    RispondiElimina
  3. pudore è davvero meravigliosa.
    grazie

    RispondiElimina
  4. Mia madre amava molto questa poetessa :*)
    è bello rileggerti, a presto

    RispondiElimina
  5. Ciao, sono capitata per caso sul tuo blog e ne sono rimasta incantata... ci tornerò spesso :)

    RispondiElimina
  6. Grazie per avermi fatto conoscere questi versi

    RispondiElimina
  7. la poesia è bellissima, non conoscevo questa poetessa, grazie!

    RispondiElimina
  8. Grazie per queste parole, per questo suggerimento. Sono incantata.

    RispondiElimina
  9. "Sorelle, se a voi non dispiace -
    io seguirò ogni sera
    la vostra via
    pensando ad un cielo notturno
    per cui due bianche stelle conducano
    una stellina cieca
    verso il grembo del mare"

    la tristezza diventa dolce,
    il nascondimento più celato,
    il desiderio del materno amore più pressante,
    melanconia irrisolvibile,

    Antonia Pozzi, la sua sete d'assoluto sempre m'intimidisce, mi fa il cuore stretto e vorrei tenerla a distanza pur provando tenerezza e commozione per la sua fulminea esistenza dolente

    RispondiElimina
  10. Antonia, i tuoi rovi pungono dentro, come le tue parole.

    Grazie, Cobrizo.

    RispondiElimina
  11. oggi ho postato alcune immagini accompagnandole con una poesia di Antonia Pozzi,
    grazie al tuo post di ieri che non m'ha lasciata indenne

    RispondiElimina
  12. mi fa piacere che anche voi vi siate lasciate incantare.
    tra l'altro proprio oggi ho scoperto una piacevole coincidenza! al festival di venezia in concorso ci sarà un film che parlerà proprio di lei e della sua poesia: "Poesia che mi guardi"
    v.di qui:
    www.venice-days.net/download/PB_Poesiachemiguardi_IT.pdf


    Poesia che ti doni
    Soltanto a chi con occhi di pianto
    Si cerca
    Rifammi tu degna di te,
    Poesia che mi guardi
    A.P.

    RispondiElimina
  13. ti ho inviato una mail, ma mi ha preso il dubbio e che tu non l'abbia ricevuta...

    RispondiElimina
  14. ricevuta, ricevuta e molto gradita. ho iniziato a risponderti ma ho dovuto interrompere... riprendo appena posso.
    un bacio e grazie cara.

    RispondiElimina
  15. Sempre avida di ciò che non conosco...grazie.

    RispondiElimina
  16. ...e io ben felice di condividere, Silvia. il piacere diventa così doppio!

    RispondiElimina
  17. L'illustrazione sotto la poesia è notevole.
    Un abbraccio in notturna.
    Buon domani, Colibrizo.

    RispondiElimina
  18. grazie Cla!
    non è facile aggiungere qualcosa a parole già tanto belle e cariche.

    Buona giornata a te. stamattina siamo freschi: alle 8.30 c'erano 12,5°...
    ;-(

    RispondiElimina