mercoledì 21 settembre 2011

Completamente cipolla fino alla cipollità.






La cipolla è un'altra cosa.

Interiora non ne ha.
Completamente cipolla 
fino alla cipollità.

Cipolluta di fuori,
cipollosa fino al cuore,

potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.



In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,

interni d'inferno,
violenta anatomia,

ma nella cipolla - cipolla,

non visceri ritorti.

Lei più e più volte nuda,

fin nel fondo e così via.



Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.

Nell'una ecco sta l'altra,

nella maggiore la minore,

nella seguente la successiva,
cioè la terza e la quarta.

Una centripeta fuga.
Un'eco in coro composta.



La cipolla, d'accordo:
il più bel ventre del mondo.

A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.

In noi - grasso, nervi, vene,

muchi e secrezioni.

E a noi resta negata
l'idiozia della perfezione.

(Wislawa Szymborska)



7 cipolle rosse di tropea
due cucchiaini da tè colmi di miso (per chi non lo conosce, vedere qui)
2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva
4-5 cucchiai d'acqua
2 cucchiai di mirin (cos'è qui, ma direi che potrebbe essere sostituito con un cucchiaino di malto sciolto in 2 cucchiai di vin bianco)
una decina di gocce di worcester sauce, (vedere qui ); usare invece tamarindo, aceto e malto per un'alternativa (consigliata per Salutiamoci) anche vegan rispetto alle acciughe contenute nella Worcestershire sauce
qualche goccia di tabasco o un pizzico di peperoncino
timo (o lavanda o anice stellato, a scelta)
sale (il mio, rosso delle hawai)

Sbucciare le cipolle e tagliarne alle estremità una piccola calottina per far sì che possano poggiare bene, quindi tagliarle ciascuna a metà. (ovviamente non gettate la parte tagliata che potrà essere utilizzata per un qualsiasi soffritto!)
Sulla superficie maggiore di ogni mezza cipolla, praticare un'incisione a croce, evitando di arrivare però troppo in profondità.
In una ciotola, emulsionare olio, miso, worcester sauce, mirin, acqua e l'eventuale tabasco o peperoncino.
Disporre le cipolle, con la superficie tagliata a croce rivolta verso l'alto, in una teglia unta che le raccolga ben strette (si ritireranno in cottura).
Ricoprire la superficie tagliata delle cipolle con la salsa ottenuta.
Spolverizzare col timo e qualche granello di sale (rosso).
Cuocere in forno a 180° per un'ora o q.b.
A metà cottura, se si seccassero troppo, coprire eventualmente con alluminio, che verrà nuovamente tolto poco prima della fine per gratinarle un poco.

Buone come antipasto o contorno.
Se dovessero avanzare, ottime l'indomani per condire una pasta, a pezzetti, o per riempire una torta salata o ancora, frullate, per accompagnare cereali, legumi, (carne o formaggio, de gustibus),...


10 commenti:

  1. mamma mia che bontà...
    ma si può aver fame alle 9:11 di mattina??

    È tutta colpa tua!

    Io segno tutto.

    RispondiElimina
  2. Semplicemente superbe! Appena torno dall'esilio inglese le provo!

    RispondiElimina
  3. allora fatemi sapere, se ci provate. secondo me ammettono le varianti più fantasiose.

    RispondiElimina
  4. Ma che bellissime foto che vedo!
    Sulla ricetta non mi esprimo, perché non conosco le cipolle :-(
    Mio padre non le può vedere, e non le ha mai portate a casa, essendo lui il fornitore ufficiale di verdura e frutta...così io, sono cresciuta senza conoscerne il gusto. Però mi fido di ciò che vedo, ed allora dico che sono buonissime :-)
    Molto originale il sottotitolo del tuo blog, e grazie per il commento ai disegni di mia figlia :-)
    Buon we, ciaooo
    e°*°

    RispondiElimina
  5. Semplicemente splendida. Grande.

    RispondiElimina
  6. Adoro questa poesia...tempo fa l'avevo pubblicata anche io (http://trattoriadamartina.blogspot.com/2010/07/adoro-la-cipolla.html) perchè per me è semplicemente stupenda.: grazie per avermela fatta tornare di nuovo in mente...

    RispondiElimina