lunedì 8 settembre 2008

Goccia di mare


premio Zavrel - illustrazione per "Il mercante e la principessa"

Riprendere in mano questo disegno mi ha fatto ricordare le parole dell'autore di un libro che ho letto e che mi è piaciuto molto:
"La grande paura e la grande voglia degli individui è quella di consegnare se stessi, interamente, ad un'unica persona."
Myriam, la protagonista, è attesa come purificatrice per tutto il tempo del romanzo. Per taluni il nome Miryam o Maryam è composto dalle radici mar (goccia) e yam (mare), pertanto il suo significato è goccia di mare.
Non conosco nessuna Myriam, ma il 12 settembre cade l'onomastico. Il periodo è giusto questo. Strane coincidenze...




5 commenti:

  1. che bello questo.
    c' è qualcosa di misterioso.

    RispondiElimina
  2. grazie! mi fa piacere se percepisci del mistero... questo lascia spazio a ciò che preferisci! ;-))

    RispondiElimina
  3. lecartedimauri12 ottobre 2008 00:19

    ...ho trovato il libro del quale parli abbandonato in attesa di un lettore,per poi essere abbandonato di nuovo...non mi era mai capitato,ora lo stò leggendo...ciao,mauri

    RispondiElimina
  4. Mauri, un regalo doppio! ;-) fammi sapere se ti è piaciuto. non è un libro "facile"...

    RispondiElimina
  5. Ciao Co'.
    E' vero che questo libro fa male, come la luce ti acceca quando ti tirano fuori dal pozzo in cui stai passivamente marcendo.
    L'ho amato, come un figlio cattivo. L'ho letto da bambino a zig zag qual sono, quando con me non c'era qualcuno con cui correre. E l'ho visto alla voce: amore.
    Non sia quanto mi piace Grossman, CobrizoPerla.

    RispondiElimina