lunedì 22 ottobre 2012

Giochi per una festa di compleanno


Son passate ormai un po' di settimane, ma da queste parti si son festeggiate le 8 primavere di Giacomo.
L'organizzazione della festa di compleanno, per quanto semplice e casareccia, ci ha visti impegnati per qualche giorno.
Pur non essendo questo un "mommy blog", ho pensato che forse questo breve decalogo potrebbe ugualmente essere d'aiuto per qualcuno, facilitando la ricerca e la concretizzazione d'idee per un'occasione da festeggiare tra bambini. Lo avessi trovato già pronto, anzichè dovermi scervellare, lo avrei gradito molto e mi sarei risparmiata un bel po' di tempo!
Conditio sine qua non: è indispensabile che la festa avvenga all'aperto e con una bella giornata.

- Tralascio tutta la parte degli inviti, numero degli invitati, decori e cibarie varie in cui farete come meglio credete. (i miei dolci erano senza zucchero, burro e uova: se vi interessa il perchè, è riassunto bene qui)

- Dividete i bambini in due o più squadre (suggerisco di far lanciare una monetina, altrimenti è dura organizzarle e dividere certe coppie di amici)

- Qui sotto ci sono i giochi che avevamo pianificato noi. I percorsi potranno essere tracciati con gessetti per terra o con nastro adesivo o ancora con il nastro da cantiere, a strisce bianche e rosse.
Vi consiglio di creare una scaletta di giochi alternando quelli dinamici a quelli di ragionamento, quelli manuali o di pazienza, per bilanciare le energie impiegate ed equiparare al meglio slanci maschili e femminili, dando così la possibilità di concedere loro un po' di riposo fisico dopo il movimento, ma anche per far applicare al meglio ogni gruppo dando risalto alle caratteristiche diverse dei singoli bambini.
Sceglieteli, mescolateli e adattateli alle vostre esigenze, come preferite:

  • Corse con la carriola. C'è bisogno che la spieghi? (vedi foto)
  •  Corsa coi sacchi. Io ho reperito i sacchi di iuta in un consorzio agrario. Credo comunque che alla peggio anche dei grandi sacchi per i rifiuti potranno essere un'alternativa accettabile.
  • Collane di pasta. Saranno sufficienti un pacco o più di pasta di qualità scadente e basso prezzo e dello spago tagliato in parti uguali. Vincerà chi infilerà più maccheroni nel minor tempo, annodando lo spago in collane.
  • Percorso coi cucchiai (sono necessari un cucchiaio di plastica usa e getta per ciascun bambino e delle palline da ping pong anche se si potrebbe giocare con le uova che però ho reputato troppo pesanti e... sconvenienti per ovvi motivi). Si potrà costruire un percorso da far fare loro col cucchiaio in bocca che regge la pallina che non dovrà cadere (altrimenti si dovrà retrocedere e ricominciare il percorso) e cronometrare il tempo oppure metterli in fila e obbligare il primo a fare un tratto di andata e ritorno verso il secondo della fila a cui dovrà consegnare la pallina come testimone di una staffetta.
  •  Camminata coi barattoli. Sono necessari della corda di nylon o comunque resistente e quattro barattoli di latta con coperchio, vuoti e possibilmente nuovi. Io li ho reperiti in un negozio di colori che me li ha venduti vuoti. Con un punteruolo o un chiodo e un martello dovranno essere forati in due punti diametralmente oppsti, appena al di sotto del tappo. Infilata la corda nei fori, tagliata della misura che intercorre circa tra piede e mano di un bambino in piedi, e chiusa ad anello, possibilmente all'interno del barattolo, i barattoli veranno usati a mò di trampoli per camminare.
  • Salto con le castagne. Noi abbiamo utilizzato delle castagne matte (quelle dell'ippocastano, raccolte in abbondanza) contrassegnate con un po' di smalto colorato per differenziarle per le due squadre. Il gioco prevederà due tracciati uguali e speculari che dovranno essere percorsi da ciascuna squadra saltellando su una gamba sola. Lungo il tragitto vi saranno delle castagne da raccogliere (sempre senza mai appoggiare il secondo piede a terra, altrimenti si dovrà ritornare alla partenza e ricominciare da capo). Al termine del percorso, raccolte tutte le castagne, le stesse dovranno essere tirate dentro un unico secchio,  comune alle due squadre. Vince ovviamente la squadra che raccoglie il maggior numero di castagne.
  •  Il pallone nel sandwich. Si gioca a coppie. I due bambini si mettono uno di fronte all'altro, molto vicini con un pallone premuto tra il petto. Non potramnno prendersi per le braccia e le man dovranno invece essere tenute dietro la schiena. In questa posizione dovranno camminare lateralmente e raggiugnere un traguardo senza far cadere il pallone. Chi sbaglia dovrà lasciare il turno ad un'altra coppia.
  • Tangram. Il tangram è un rompicapo cinese composto da 7 pezzi (il nome significa appunto "le sette pietre della saggezza"). Io ne ho riprodotti due (tante erano le squadre) in grande scala, 30x30 cm, in un cartoncino molto spesso, per intenderci quello grigio, da rinforzo, usato ad esempio dai rilegatori, che ho reperito in una cartoleria-tipografia. Se avete fortuna, magari ve ne regaleranno anche solo qualche pezzo di scarto. Non sarà semplicissimo tagliarlo, ma saranno sufficienti un buon cutter resistente, un po' di pazienza e di attenzione, seguendo il disegno qui. Lo scopo del gioco varierà a seconda dell'età dei bambini e del tempo che vorranno dedicarci: potrà essere sufficiente vedere quale delle due squadre sarà in grado per prima di ricomporre il quadrato, oppure potrà diventare più complesso se si vorrà sfidarli anche ad inventarsi qualche figure utilizzando in modo creativo tutti i pezzi, ma in diversa composizione, come si può vedere qui
  •  Acqua in bocca. Saranno necessarie 2 bottiglie di plastica piene d'acqua e 2 vuote, del nastro adesivo di plastica o carta e tanti bicchierini di plastica quanti sono i bambini. Abbiam tagliato le bottiglie vuote circa a due terzi dell'altezza, in coincidenza con la parte più bombata e rivestito la parte tagliata con il nastro adesivo, perchè non risultasse pericolosa e tagliente per i visetti dei bimbi. Ogni bambino, a turno, si riempirà il bicchiere d'acqua e con questo berrà e tratterrà in bocca quanta più acqua potrà. Di corsa andrà poi a versarla nella bottiglia tagliata della propria squadra, posta distante, dando quindi il via a partire al secondo bambno... Lo scopo del gioco sarà ovviamente raggiungere il maggior livello di acqua raccolta nella bottiglia della propria squadra.
  • Tiro al bersaglio. Procuratevi quante più lattine vuote potete di coca, aranciata, ecc... di ugual dimensione. Nel nostro caso non facendone uso, ho chiesto in un paio di pizzerie ed un kebab di mettermele gentilmente da parte. Una volta ben lavate, abbiamo costruito una piramide e con un paio di palline morbide se n'è fatto un tiro al bersaglio rumoroso e divertente. Le palline potranno essere anche realizzate con carta recuperata di giornale, appallottolata ed avvolta con scotch.
  •  Bicchieri in equilibrio. Con una piccola asse (lunga circa un metro e larga 5 cm e ma non troppo pesante) ogni bambino dovrà percorrere un tragitto prestabilito tenendo su ciascuna estremità della stessa qualche bicchiere di palastica pieno d'acqua senza rovesciarla.
  • Il minestrone di legumi. Procuratevi due grandi piatti o vassoi possibilmente uguali. Pesate ugual peso di granaglie miste secche (esempio: 50 gr di lenticchie, 100 gr di ceci, 100 gr di fagioli cannellini, 100 gr di fave, ecc.; per me è stato anche un modo per controllare la dispensa e svuotarle da legumi prossimi alla scadenza) e versateli, mescolandoli, in ciascun vassoio. Il gioco consisterà di selezionare, con pazienza e minuzia i diversi tipi di semi nel minor tempo possibile, riponendoli in tanti piatti di plastica quanti sono i tipi di legumi utilizzati per il gioco.
  • L'esercizio matematico prevederà la risoluzione di qualche operazione (che ovviamente varierà nella difficoltà a seconda dell'età dei bambini giocanti). Vince evidentemente la squadra più veloce e con maggiori risultati esatti. Nel nostro caso erano ad esempio come queste:
7 x 6 = . . . . . . . . . .  - 34 = . . . . . . . . . .  x 4 = ?
3 x 8 = . . . . . . . . . .  - 18 = . . . . . . . . . .  x 4 = ?
4 x 5 = . . . . . . . . . .  - 17 = . . . . . . . . . .  x 6 = ?

  • L'esercizio linguistico, a tempo, prevederà ad esempio la ricerca di parole in rima al fine di completare un breve testo assegnato loro. Vince evidentemente la squadra più veloce nella consegna. Nel nostro caso avevamo assegnato questo:  
Dopo il giorno vien la . . . . . . . . . .
dopo l'inverno vien la  . . . . . . . . . . 
dalle viti viene il . . . . . . . . . .
viene il fumo dal . . . . . . . . . .
va la mucca con il bue
van le ochette a due a . . . . . . . . . .
e la vita in fondo in fondo
è un allegro . . . . . . . . . . !


Inoltre potete aggiungere i classici:
  • Tiro alla fune
  • Bandierina
  • Moscacieca
  • Caccia al tesoro 
  • Strega comanda color
  • Quattro cantoni
O per ridere:
  • Vocino, vocione, vociò. Un bambino scelto a turno verrà bendato e lasciato al centro del gruppo in cerchio. Interrogando ciascuno degli altri bambini, segnandoli col dito (o chiamando un numero loro assegnato in precedenza), dovrà riconoscerli dalla voce. Ovviamente tutti dovranno rispondere modificando la loro voce, ora con un vocione o un vocino sottile.
  • Telefono senza fili. I bambini devono disporsi tutti in un'unica fila. il primo ad un'estremità inizia il gioco bisbigliando una parola o una frase all'orecchio del suo vicino. Questo deve ripetere la stessa frase al bambino accanto, e così via fino all'ultimo della fila, che ripete la frase ad alta voce. Il divertimento deriva dal fatto che la frase riportata dall'ultimo giocatore è spesso molto diversa da quella di partenza, a causa del combinarsi e sommarsi di errori successivi di interpretazione. In questo caso non ci son vincitori o vinti.
Premi.
Noi abbiamo deciso alla fine di premiare ciascun bambino (e non solo la squadra vincitrice) con un piccolo pensiero, uguale per tutti, ma facendo distinzione di sesso. Abbiamo confezionato ciascun regalino in un semplice sacchettino bianco (con contrassegno diverso per maschi e femmine) da far pescare loro in una grande scatola.

Allora, siete pronti? Viaaa... e buon divertimento! ;-)



p.s. : vi va di aggiungere nei commenti anche le vostre idee?


17 commenti:

  1. Bellissimo Roberta!
    ...alcuni di questi li ho proposti anch'io per il passato compleanno della mia bimba più grande. Purtroppo però, essendo nate tutte due a dicembre, ho sempre il problema della festa 'al chiuso' che non è proprio la stessa cosa...mi copio qualche idea ed al prossimo compleanno provo anch'io a fare i dolci senza zucchero e burro...bella sfida!
    Buon inizio settimana! ^_^ Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche noi siamo al limite con l'inizio delle giornate a rischio... così abbiamo posticipato un po' consultando il meteo e ci è andata bene ;-)

      Elimina
  2. ciao Robi, non ho figli ma ho letto con piacere i giochi proposti perchè mi fanno tornare bambina.
    Io aggiungerei anche 'strega comanda color (o lettera)' e anche i 4 cantoni se c'è un bello spazio per il gioco. Poi dipende sempre dall'età perchè noi da piccole abbiamo inventato tanti e tanti giochi.
    Brava brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto! altri due bei classici ;-)
      li aggiungo alla lista.

      Elimina
  3. Brava Roberta, sapevo che per il compleanno del tuo ometto avresti organizzato una festa coi fiocchi, terrò presente questi simpaticissimi giochi per il prossimo compleanno di Beatrice e naturalmente proporrò anche dei dolci senza zucchero....Anche noi all'ultima festa abbiamo organizzato diversi giochi, uno che mi ricordo consiste nel dividere i bimbi a coppie, bendarli, sparpagliarli qua e là e assegnare ad ognuna un animale da imitare. Un bimbo è incaricato di fare il verso e l'atro deve cercare di raggiungerlo seguendo solo il suono della voce, ti immagini che bel concerto?
    Ti saluto e ti abbraccio.
    Franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, bellissimo! :-) grazie.
      Sai, Giacomo oggi è a casa con la febbre... ma il postino è arrivato, con una certa letterina.
      Non poteva avere miglior tempismo. Che bella sorpresa!
      E' già al lavoro! ;-)
      Grazie e un bacione a tutti.

      Elimina
    2. Oh povero Giacomo, tanti anguri di una prontissima guarigione....
      Franca

      Elimina
  4. mamma mia che grande organizzatrice...altre idee??? ma hai pensato tutto tu....io nei tempi passati di gnome festaiole (perchè ora la tredicenne non vuole mamma intorno in certe occasioni) mi divertivo sempre loro leggere una favola....ah come mi piaceva fare tutte le voci dei personaggi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna mio marito mi ha aiutato tanto ;-)
      purtroppo molti maschi sono incontenibili e già convincerli a giocare è un'impresa... una lettura? mi sarebbe piaciuto molto ma ti assicuro che non mi avrebbero minimamente badata.

      Elimina
  5. non ho figli ma mi sono gustata davvero il tuo post, sei stata un'ottima organizzatrice! un bacione

    RispondiElimina
  6. Delizioso tutto, i giochi, l'organizzazione, la cura del particolari e meraviglioso il regalo per tutti i bambini. Siamo tutti vincitori, grazie Cobrizio! un abbraccio sincero e grosso tanto!
    Sandra

    RispondiElimina
  7. Caspita...se mi chiedevi! 15 anni di scout! Lo leggo solo ora..perchè a breve è il compleanno del mio marmocchio! E cercavo "altre" idee, ma alla fine sempre là si arriva! Io facevo anche la corsa delle mele: mani legate dietro la schiena, bacinella d'acqua ad una certa distanza (una per squadra) e mele dentro...bisognava correre alla bacinella pescare la mela con i denti e tornare indietro, solo allora poteva partire l'altro componente delle squadra. Oppure indovinare al solo tatto igli occetti dentro un sacco, oppure indovinare il contenuto di alcuni barattoli dal solo odore (salvia, rosmarino, caffè, cannella, timo, menta, basilico), indovinare cosa si beve (bottiglie rigorosamente coperte:sugo di pomodoro, the, acqua...ecc ecc). Un'occasione per salutarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie. Tutte idee utili.
      Un saluto anche a te... ma chi sei?

      Elimina
  8. Alessandra, Corso Zabala...ma nn sapevo cosa mettere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aleee, ah, sei tu!!! Ciao cara :-)
      Grazie di essere passata di qui e... buoni festeggiamenti, dunque!

      Elimina
  9. che belle cose....bravissima
    mi domandavo ma la musica ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, quella la scelgono i bambini, non credi? :-)

      Elimina