mercoledì 23 giugno 2010

Remise à neuf

Sul tavolo, olio paglierino al posto dell'olio d'oliva, gommalacca al posto della colla di pesce, cera d'api al posto del miele...
Alternative in cucina? ;-)
No, tutto era iniziato qui (ancora prima qui), ma ora finalmente la mia prima sezione di lavoro manuale è terminata!

I pezzi non sono preziosi, ma hanno un valore affettivo perchè legati alla famiglia del mio papà. Hanno una forma simpatica e comunque uno stile versatile, che mi consentirà di inserirli in un contesto che non è sicuramente classico nè rustico.
Dopo tanti dubbi sui colori che pensavo avrei usato (soprattutto per riverniciare il letto) e la noia a vedere tutto questo shabby style dilagante, ho deciso di valorizzare il legno originale, lasciandovi il più possibile inalterati i segni del tempo. (Mi spiace non avere fatto delle foto di com'erano mal messi prima del trattamento!)
Al termine della fase di pulizia e sverniciatura, ho optato per sostanze più naturali possibile, visto che di camera e cucina si tratta.
Questi i primi risultati, anche se fotografati ancora in laboratorio. Quello che in foto non si può percepire è la piacevolezza al tatto di questo tipo di finitura: risulta morbida, vellutata e profumata, niente di paragonabile rispetto a qualsiasi smalto (anche se all'acqua).

il tavolo in ciliegio

nei fori vanno inseriti mattarello e tagliere in dotazione.
mancano da rimontare le manigliette del cassetto
e della tavola estraibile per la pasta



e quello che diventerà il letto di Giacomo,
che già si vede un re ;-)


Ma i lavori continuano...

17 commenti:

  1. il risultato mi piace molto e condivido la scelta di rispettare l'essenza del legno. Approvato con lode.

    RispondiElimina
  2. Belli nella loro "classicità". Brava.
    Luisa

    RispondiElimina
  3. guarda, invece si percepisce proprio il tatto, e provo ad immaginare il profumo, ma come hai usato gli ingredienti?

    RispondiElimina
  4. sono bellissimi roberta! anche per me la scelta del naturale vince. ho le vecchie credenze anche io da rimettere a nuovo. te le porto? lo sai che io non son proprio capace...

    RispondiElimina
  5. Pure questo sai fare???
    :-)
    Complimenti.. sono usciti benissimo! Veramente belli!

    RispondiElimina
  6. cioè hai reataurato tu questi pezzi?? Hai la mia ammirazione, per la capacità ma annche per la volontà di recuperarli. E poi il tavolo con il buco e la fessura per matterello è spianatoia è avantissimo!!!! Anche un cavatello si sentirebbe un re :)

    RispondiElimina
  7. ester: olio dato con straccio di cotone (a mo' di tampone); gommalacca, se necessaria, diluita in alcool a 95° e cera (la mia bianca) di nuovo a tampone e poi ripassata con straccio di lana.

    elvira: eh, abbiamo lo stesso debole! ;-DD

    ma grazie a tutte!

    vi assicuro che neppure io sapevo fare niente... poi un po' la fortuna e l'incoscienza del principiante e tanto olio di gomito han fatto il resto!

    RispondiElimina
  8. Mi piace questo tuo modo di porti con estrema semplicità e naturalezza. Hai delle qualità rare, coltivale sempre con amore come stai facendo ora. Brava, Luisa

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Che bello questo tavolo cobrizo, proprio bello e pensato con tutti i comfort per le mani in pasta e le camicie arrotolate fino ai gomiti. Poi per scriverci su e mangiarci insieme. Proprio bello, continuare ad utilizzarlo rispettandone i colori e le essenze.
    Anche in casa da me sto cercando di salvare dal cassonetto una vecchia cassettiera di una nonna che non ho conosciuto. Non ho ancora una casa per me e per lui, ma fra altre cose buttate, penso che meriti un po' di prospettiva. Purtroppo non ho mai restaurato un gran chè in vita mia..così son lì che ogni tanto lo rimiro in garage, non sapendo da dove cominciare pur avendo con me comperato un libro e l'occorrente per un restauro almeno di base...il prodotto e la cura del tuo lavoro incoraggiano. un saluto
    roberta f.

    RispondiElimina
  11. bellissimo lavoro!!! condivido assolutamente la scelta del lasciare il legno al naturale, dalle tue foto vien voglia di toccarli, lisciarli, annusarli... e sopratutto bel tavolo, davvero, ne ho visti altri con i buchi per gli inserti di matterello e spianatoia e penso che siano davvero geniali!

    RispondiElimina
  12. bellissimo questo tavolo, ne aveva uno anche la mia nonna con il mattarello incorporato

    RispondiElimina