mercoledì 11 settembre 2013

Nutella o Nocèlla?



Era da un po' che ci pensavo. In realtà è una cosa semplicissima da farsi, ma proprio per questo forse rimandavo sempre.
Ma ecco che a settembre Salutiamoci parla di nocciole e allora non potevo proprio aspettare oltre!
Ora qui il forno si riaccende senza problemi, visto il calo di temperatura.
Si fa il pane... e allora andiam pure di nutella fatta in casa.
Chiamiamola così, concedetemelo, giusto per capirsi. Trattasi comunque di crema spalmabile di nocciole e cacao.
Buonissimissima.


300 gr di nocciole sgusciate tostate bio (ma non usate quelle appena raccolte fresche)
300 gr di malto di riso * (la dose è molto soggettiva: potete anche diminuire oppure aumentarla fino a 400 gr per un gusto più dolce raggiungendo un ideale compromesso per chi vuole "disintossicarsi" dalla nota crema commerciale)
50 gr di cacao amaro di ottima qualità
10 cucchiai di olio di mais bio (si potrebbe anche evitare ma certamente conferisce maggiore cremosità e facilita l'emulsione)
150 gr di latte di soia non zuccherato
un cucchiaino scarso di polvere di vera vaniglia  (no vanillina)
un pizzichino di sale
* perchè è meglio evitare lo zucchero qui

Tritare finissimamente le nocciole a farina (questa è l'unica difficoltà e in questo senso vi aiuterà solo un tritatutto serio, da azionare ad intermittenza per non surriscaldare l'olio delle nocciole).
Unire il latte vegetale, l'olio, il cacao, la vaniglia ed il sale ed emulsionare ancora.
Dolcificare col malto mescolando ancora molto bene.
Invasare e conservare in frigorifero.
La dose è per due vasetti grandi e due piccoli.



Con questa crema ho farcito queste tortine.
Non sto a scrivervi la ricetta perchè io ho dovuto usare un mix di farine glutenfree che ne ha fatto gusci non molto belli.
Voi invece scegliete la vostra frolla preferita, - avete la vostra ricetta jolly per la crostata che non vi delude mai, no? - farcite (prima o dopo la cottura, come preferite), decorate e poi sappiatemi dire.

Lo sapevate?
Da parecchi anni a questa parte gli alberi di nocciole vengono trattati massicciamente con l'endosulfan (cos'è qui) per debellare una specie di cimici che attaccano i frutti, compromettendo interi raccolti.
Questo composto chimico, della famiglia dei cloroganici che agiscono bloccando il sistema nervoso delle cimici, è stato autorizzato anche dal Ministero Italiano, per ovviare ad una pressante concorrenza operata dalla Turchia e dall'India, grosse produttrici di nocciole che già ne facevano uso sconsiderato.
Nonostante si parli della proposta di un suo ritiro dal commercio dalla metà del 2012, (con una proroga però per alcuni utilizzi per 5 anni aggiuntivi), perchè antiparassitario della famiglia del DDT dichiarato come molto tossico, l'endosulfan è tuttora presente nella stragrande maggioranza delle nocciole in commercio.
Pensate ora all'uso che viene fatto delle nocciole, per esempio, in pasticceria e gelateria: forse meglio utilizzarne meno, ma, se possibile, di qualità biologica!



Tutte le ricette con noci e nocciole sono raccolte da Sabrina di Les madeleines di Proust fino alla fine di settembre.


Cercate altre idee cobrizolose con le nocciole?

Fregola sarda con sedano rapa, fichi e nocciole
Ravioli bicolor con tofu e nocciole


8 commenti:

  1. Fantastica! Io ieri ho fatto il burro di nocciole (ho semplicemnete messo le nocciole tostate nel mixer, senza aggiungere altro), e vorrei usarlo per farci dei biscotti uno dei prossimi giorni. Non sarebbe male provare anche la "nutella" un'altra volta. Non l'ho mai fatta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara, allora è fatta :-)
      Preleva un po' di quel prezioso "burro" e prova!

      Elimina
  2. sai che è tanto che ci penso anch'io?
    rimando sempre perchè ho ancora 4/5 chili da smaltire dopo aver smesso di fumare e se faccio una delizia del genere mi rovino. son golosa e non riesco a trattenermi! :))
    grazie, disegno bellissimo.
    aggiungo all'elenco.
    buona serata

    ps: ho ripreso fuori colori e pennelli...chissà... :))

    RispondiElimina
  3. si si....anche io faccio la crema di nocciole e cacao e la gnoma approva....la prossima sperimento la tua ...un baciotto

    RispondiElimina
  4. Che bello ritrovarti dopo l'estate e che dolcezza la crema di nocciole, io l'adoro e mi sa che proverò anche la tua versione....baci. Franca

    RispondiElimina
  5. Devo saccheggiare il raccolto di nocciole della mamma ....

    RispondiElimina
  6. Hai proprio ragione: è una cosa talmente facile da fare che alla fine non si fa mai!
    Mi manca solo un frullatore potente..
    Beh, non può non piacere una prelibatezza del genere!

    RispondiElimina
  7. Hai ragione. E' solo questione di pigrizia, prima di tutto mentale.
    Le tue illustrazioni sono splendide!
    Barbara

    RispondiElimina