lunedì 14 maggio 2012

Pasta fresca: casarecce con agretti, limone e mandorle



Domenica mattina sembra che si voglia riuscire a fare mille cose.
Ognuno ha le proprie preferenze e non sempre è facile sintonizzare le priorità dei tre...
Si vuole dormire un po' di più, si vuole uscire, ma anche stare in casa, si vuole giocare, ma anche fare i compiti per liberarsene, si vuole leggere, ma magari fare anche giardinaggio o passeggiare col cane...
Questa volta non ci si riesce a mettere d'accordo. Un po' d'inquietudine sale ... e in men che non si dica son già le undici.
Le undiciiii???

Cobrizo si defila. Stamattina non ha proprio voglia di questionare, nè di mediare.
Va in cucina e impasta in silenzio.


150 gr di semola di grano duro integrale
150 gr di farina semiintegrale
e acqua q.b (la quantità varierà a seconda delle farine usate)

Lascia riposare al fresco un poco, quindi propone un time-out sornione, che funziona sempre.
Le 6 mani si impegnano, la parola si quieta e gli stomaci si preparano...
- Trafiliamo! -
(potranno essere fatti ovviamente anche tagliatelle o cavatelli o altro)

SSSS... Silenzio.






Poi son sufficienti:


un mazzetto di agretti
un pugnetto di mandorle non pelate tostate
scorza di limone bio grattugiato
aglio, olio e.v.o., sale e pepe (di Szechuan o pepe bianco)
cioccolato fondente



Servirà mica pure la ricetta, no?
(Ah, il cioccolato fondente è per una leggera spolveratina finale.)



20 commenti:

  1. E splendida! E poi cucinare in famiglia mette sempre d'accordo tutti, da che mondo è mondo :-). Non abbiamo mai fatto la pasta in casa, ma il tuo post ci ha messo una voglia di provare... E' perfetta!

    RispondiElimina
  2. noooooooo, che bella pasta! gli agretti sono uno spettacolo della natura e l'abbinamento è proprio azzeccato! che bella domenica!

    RispondiElimina
  3. Buona! tempo fa io ho fatto degli spaghetti con agretti e scorza di limone grattugiata e mi sono piaciuti un sacco!
    p.s. ti sei dimenticata di menzionare l emandorle tra gli ingredienti del condimento...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava a notarlo! ora correggo. grazie. ;-)

      Elimina
  4. Ah roberta! Abbiamo un ingrediente in comune con quello che posteró a breve! E che ingrediente! Poi vedrai :) bella questa pasta fresca fatta in casa! E il condimento freschissimo e genuino ;) un baio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la polverina magica marron forse? corro a vedere... ;-)

      Elimina
  5. che bontà! e ora sentiti responsabile per avermi fatto aggiungere un altro oggettino alla lista dei desideri.. ma che belle sono queste casarecce? Complimenti

    RispondiElimina
  6. Cara che bello leggerti. Mi rassereni sempre. Buona settiamna

    RispondiElimina
  7. splendido piattino, invitante fresco e leggero...e con quel tocco croccantino che non guasta ;)

    RispondiElimina
  8. Nahhah anche io voglio trafila!!! Buona la pasta cmq ... Amo gli agretti! ...ah prima ricetta per salutiamoci postata!;)

    RispondiElimina
  9. Ciao, mi piacerebbe che partecipassi al giveaway che ho organizzato sul mio blog assieme a Fra di Flors de la Terra. Si intitola “Scala la Marcia” ed invita alla pratica della decrescita. Per partecipare si aggiunge un proprio post che parli di buoni propositi. Le mie follower sembrano essere spiazzate {possibile nessuno abbia buoni propositi???} ma spero che col tuo contributo possano farsi un’idea su cosa significhi vivere nel rispetto dell’ambiente. Se ti va di partecipare, eccoti il link! {http://cecrisicecrisi.blogspot.it/2012/05/giveaway-flors-de-la-terra-cosmetica.html}
    Grazie, Alex

    RispondiElimina
  10. Mia nonna Maria ha insegnato a tutte le donne della famiglia a fare la pasta fresca la domenica mattina, è una consuetudine che ha il sapore di casa più di ogni altra cosa.
    Mi piace molto questa ricetta, adoro le mandorle tostate e l'aroma agrumato del limone. La proverò, magari sostituendo gli agretti (se non dovessi trovarli) con i fagiolini selvatici o con gli asparagi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marilù, sai, le prime tagliatelle fatte in casa le ho viste anch'io grazie alle mani di mia nonna Maria: di origine trevigiana aveva portato questa buona abitudine anche nel bellunese, terra invece di gran polente. ;-)
      Ricambio il tuo abbraccio

      Elimina
  11. Anch'io voglio trafilare!!! è un piatto così invitante e poi il racconto della domenica era simpaticissimo, la cucina sa ridare direzione agli umori!Ottimo piatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in quei casi opto per piatti semplici che non presentano brutte sorprese! ;-)

      Elimina
  12. trafilare....che bello....la domenica mattina....se faccio la pasta fresca la faccio la domenica mattina...se la gnoma mi aiuta in cucina è la domenica mattina...magari a volte il miglior modo di mediare è fare....
    adoro gli agretti, ma non li trovo con facilità....proprio settimana scorsa due mazzetti mi hanno fatto felice...i prossimi..saranno per la pasta :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cucinare con gli "gnomi" non è sempre facile... ma poi che soddisfazione vero?

      Elimina
  13. Visto che la voglia era tanta di questa pasta un po' particolare, io ho comprato le farrette.. e presto farò una pasta coi fiocchi... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fatto bene! ;-) fammi sapere cosa ti inventi pasticciona!

      Elimina