lunedì 11 giugno 2012

A piccoli, grandi passi nel verde.


Ho trascorso due piacevoli giorni con Letizia ed Ester, grazie ad Ecor, a festeggiare i suoi 25 anni di attività.
Ho colto con curiosità l'invito a vedere da vicino cosa ci sia dietro la distribuzione del biologico e biodinamico e sono rimasta molto colpita nel conoscere meglio il caso esemplare di un'impresa con la maggioranza azionaria in mano ad una fondazione no profit che segna un fatturato in crescita nonostante la crisi globale.
La fiera era contenuta ma ben curata, con stand progettati saggiamente uguali per ciascun espositore.
Ho conosciuto e chiacchierato con molti dei produttori delle cose che mangiamo e consumiamo abitualmente ed è stato molto piacevole vedere direttamente negli occhi queste persone e stringere loro la mano.

insieme a questo bel sorriso Cobrizo scova miso, udon, alghe, umeboshi e va in brodo di giuggiole :-))


Quello che però mi ha sinceramente colpito di più, al di là dei numeri, è stato constatare che, nella storia di Ecor, all’obiettivo economico del progetto si è affiancato fin da subito quello socio-culturale. Il 54,75% delle loro quote è infatti di proprietà della Fondazione Antroposofica Rudolf Steiner, che insieme agli altri soci, si rende garante delle finalità sociali dell'attività: distribuire prodotti biologici e biodinamici contribuendo a migliorare non solo la salute delle persone, ma anche quella della terra e dell’ambiente in generale.
L’intento lodevole è così quello di coniugare economia ed ecologia con un investimento nel presente e nell'educazione.
Per educazione non intendo solo quella alimentare (intanto, se già non la conoscete, date però un'occhiata alla loro rivista Valore Alimentare che raccoglie nomi di grande preparazione per es. come Matteo Giannattasio, Sergio Maria Francardo, Giovanni Allegro che ammiro molto e di cui io ho già parlato in questo blog), ma la convinzione che la società deve essere curata a partire da un'attenzione particolare ai bambini.


Il gruppo infatti ha sempre portato avanti il pensiero pedagogico steineriano con la creazione di un cooperativa agricola che è poi diventata anche fattoria didattica e un incantevole polo scolastico steineriano, che comprende un asilo e una scuola primaria, per cui è prevista prossimamente anche l’attivazione del liceo.
Con una saggia e pragmatica strategia, attraverso la scuola, si investe sul talento del singolo individuo creando forze sociali in grado di alimentare un futuro in crescita.



L’intenzione è cioè che l'azione pedagogica non si esaurisca nell’ambito prettamente scolastico, ma prosegua e si amplifichi nella vita sociale, proponendo di formare (e non addestrare) individui attivi e partecipi alla vita dei propri simili.
L’edificio, realizzato secondo i principi della bioedilizia (adottando soluzioni tecniche interessanti come il geotermia ed il fotovoltaico, ;-) proprio come a casa nostra) garantisce la salubrità degli spazi impiegando materiali naturali.
Le aule disposte a arco, dipinte con colori tenui tutti diversi e profumate dall'essenza del legno impiegato di cirmolo non trattato, sono arredate con mobili realizzati dai soci e dai genitori dei bambini che la frequentano.
Attenta alle esigenze dello sviluppo, ai ritmi della giornata e delle stagioni, attraverso un’educazione ed un apprendimento conformi alle necessità e alle fasi evolutive del bambino, la scuola offre spazio per vari laboratori: l’aula scultura e pittura, le aule di musica, di fisica, di euritmia e di informatica e falegnameria.
Pur avendo sempre amato andare a scuola (almeno fino a prima di un'esperienza nefasta al liceo), mai però ho respirato in ambienti scolastici quello che in quelle aule ho percepito: creatività, stimolo, rispetto, pace, condizioni cioè indispensabili per liberare, stimolare e favorire la gioia dell'azione, la spontaneità dei sentimenti e la curiosità della scoperta.



Come era successo cinque anni fa, ho rimpianto ancora una volta di non aver avuto la possibilità di far frequentare una scuola così anche a mio figlio, visto che nella mia città non c'è nulla di analogo!
Lui era incantato e quando poi ha sentito che in quella scuola non si usano i libri e non ci sono compiti a casa gli si sono illuminati gli occhi ancor di più!

La domenica è seguita una festa nell'azienda San Michele a Manzana, una fattoria biodinamica (anche didattica) che ha offerto giochi, attrattive e laboratori ai bambini, ancora grazie al lavoro volontario di tutti gli insegnanti e i genitori della scuola.
E' indubbio: vera passione e sincera condivisione di un sogno, in una comunità, danno risultati sorprendenti!


Una nota per le irriducibili food-addicted?
Oltre 2000 visitatori hanno pasteggiato a lasagne di kamut con scamorza e pesto, zuppa fredda di carote e pesto, melanzane alla parmigiana in lasagna, ravioli ripieni, hamburger vegetali con patatine, insalata nizzarda e insalata russa in versione vegan, ecc.
Tutto bio, frutta e vino compresi.

Chapeau.



p.s.: questo post (come del resto tutti gli altri in questo blog) non è un redazionale su commissione.



7 commenti:

  1. molto interessante....non sapevo dello sfondo antroposofico della ecor e non l'avrei mai detto ;)

    RispondiElimina
  2. sai Lo, mi sono dovuta ricredere anch'io, che avevo tutt'altro pregiudizio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti....cercherò di capirne di più

      Elimina
  3. ciao cara, queste foto mi mettono una serenità addosso.....a me piace da tempo lo stile steineriano, ma poi dipende dalle persone che si trovano insieme, non tutti i gruppi infatti sono uguali solo perchè si ispirano alla stessa filosofia. Sai che oggi preparo un tuo dolce ? ho con pazienza raccolto gli ingredienti che qui non mi è facile trovare, e mi accingo all'opera. Sono finalmente riuscita a convincere Victor per un'alimentazione più sana, a base di vegetali, pasta, pesce e qualche volta pollo, insomma, un gran salto, anche un pò dovuto all'esigenza di tutelare la sua salute (questi uomini....). ti mando un abbraccio forte e come mi piacerebbe farmi un ingrandimento di qualcuna di queste foto da mettere nel mio studio per ispirarmi serenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, molto dipende dalle persone... come in tutte le cose del resto, non bastano le idee ;-)
      mi raccomando, non mi stressare troppo Victor, eh! :-DD
      un bacio.

      p.s.: che dolce hai fatto?
      dimmi quale foto ti piace che vedo di mandarti il file, se vuoi.

      Elimina
  4. cara, che belle foto che immortalano momenti di festa pieni di gioia, quel posto ha stupito tantissimo anche me!!!! spero di rivederti presto un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu hai certamente più voce in capitolo di me, visto l'argomento, ma innegabilmente si respirava davvero una bella energia.
      un abbraccio a tutta la banda! ;-)

      Elimina