venerdì 26 marzo 2010

Biscottini d'antan


L'espressione d'antan non è riferita tanto all'oggetto (i biscotti sono fragranti, appena usciti dal forno e non stantii) ma al mio animo vintage che mi porta a ripescare un ingrediente di cui leggevo su vecchi ricettari, però finora mai reperito in commercio.
L'ammoniaca alimentare (credo sia un carbonato d'ammonio in fondo) è un polverina bianca con effetto lievitante, ideale per biscotti e frolle (ma non per impasti più spessi).
La trovate usata nei biscottoni classici, ma mi chiedevo se ne rimanesse un retrogusto percepibile, nel caso io non usassi burro, uova e zucchero.
L'unica è provare, è evidente, mi son detta.

Così, dopo un confronto con Lydia Tzatziki a colazione, ho impastato:
130 gr di farina integrale
200 gr di farina bianca
50 di fiocchi piccoli di avena
100 di malto di mais (o riso o grano)
70 gr di olio di oliva leggero o di mais bio
un cucchiaio di buccia di arancia non trattata
20 gr di zenzero fresco pelato
50 ml di latte di riso o soia non dolcificato
un pizzico di sale
una puntina di ammoniaca - un terzo di cucchiaino - (o mezzo cucchiaino di cremor tartaro)

Nel mixer macino fino a polverizzarlo lo zenzero e la buccia di arancia con un paio di manciate di farina. Unisco i fiocchi e macino ancora un poco ma non troppo finemente.
Nel latte intiepidito sciolgo l'ammoniaca (nel caso si usi il cremortartaro, sarà da unire invece alla farina restante).
Unisco alla farina aromatizzata il resto della farina, il malto, l'olio ed infine il latte con l'ammoniaca ed impasto brevemente.
Stendo l'impasto alto un cm e taglio i biscotti.
Cuocio in forno a 170° per 15 min

Usandone così poca non si è percepito odore neppure in cottura, come solitamente tutti denunciano.
Io credo, però, che tornerò al mio amato cremortartaro di sempre.

7 commenti:

  1. Io ne ho una bustina a casa e devo ancora provarla sta famosa ammoniaca per dolci!!!
    aspetto che scaldi che così tengo tutto aperto!:)
    mi segno sti biscottini!:)
    baci!
    Terry

    RispondiElimina
  2. Questi li faccio e poi li metto nella scatola come la tua.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. uh che belli che belli!! Tempo fa avevo commissionato a una mia amica d comprarmi lo stampo brigitte per i biscotti ( siamo distanti e non l'ho ancora vista! )...temevo che non l'avrei più usato...ma questi li vedo stupendamente!! :-D li fo, li fo!

    RispondiElimina
  4. Facciamo così:mi compro lo stampo e poi procedo, chde delizia questi biscotti!

    RispondiElimina
  5. Ma che belli ed invoglianti....

    RispondiElimina
  6. mia madre faceva dei biscotti con l'ammoniaca e il cremor tartaro (tutt'e due) l'odore d'ammoniaca si sentiva ma poi svaniva,
    bella ricetta!

    ps: fai un salto da me vorrei farti vedere due cose, un acquerello e una filastrocca

    RispondiElimina
  7. Per ma l'ammoniaca è fantastica, dona una friabilità tutta sua :D
    belli belli... e pure la scatola, troppo carina ^_^

    RispondiElimina