mercoledì 9 settembre 2009

Gnocchetti antitristezza

Colpa della temperatura che è scesa bruscamente a soli 12° (alle 8.30 del mattino), oggi in piena crisi malinconica da inizio autunno o meglio fine estate, mi sono dedicata ad impastare gnocchetti.
Operazione zen molto piacevole, che magicamente calma l'animo e rasserena la mente.
Poi se a fine giornata il tutto viene accompagnato da una bottiglia di Incrocio Manzoni, ci si infila sotto le coperte a fare tana, cotti e contenti, come scoiattolini con la pancia piena di noccioline! ;-)




Le dosi andrebbero bene forse anche per 4 ma noi, tre macrobiotici (o meglio due e mezzo?) morti di fame, ce li siamo spazzolati tutti senza battere ciglio! ;-)
Ho macinato 200 gr di grano saraceno bio (il grano saraceno è infatti riscaldante!) ed ho unito la farina ottenuta a 100 gr di farina bianca e a due cucchiai di semi di papavero (si capisce anche da qui che ne ho comperato un vagone, no?). Dunque ho impastato con acqua fredda (ho fatto ad occhio ma potevano essere all'incirca 200 cl) ed aggiustato con farina bianca q.b., se necessaria, affinchè l'impasto risulti asciutto, ma ancora morbido (consistenza a "lobo d'orecchio").
Ho lasciato riposare la palla dell'impasto in un pezzo di pellicola in frigo, per 20 minuti.
Quindi ne ho ricavato dei rotolini spessi come il mignolo, li ho tagliati a pezzetti minuti e li premuti ciascuno col pollice sull'attrezzo apposito, per rigarli.
Li ho fatti cuocere in acqua bollente salata, per 3-4 minuti.

Conditi con cavoletti di bruxelles saltati in padella, con cipolla rossa di tropea e sfilaccetti di seitan. Pepe e lievito in scaglie a piacere.






16 commenti:

  1. Le granaglie te le macini in casa? se si, che mulino hai?
    buona giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione,con questo tempo anche a me viene voglia di impastare e di mangiare del buon cibo coccoloso.Questa ricetta mi ispira moltissimo!! :-)
    ciao
    Daniela
    www.ilcoltellodibanjas.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. belli questi gnocchetti!!! bella idea e simpatica introduzione, l'immagine dello scoiattolino felice con la pancia piena di noccioline è bellissima!
    ti ho invitata, se ne hai voglia, a fare un gioco...

    RispondiElimina
  4. Capisco bene la malinconia da tempo brutto...
    Ma vorrei avere la tua abilità nel cucinare e anche la fantasia! ;)

    Intanto però ti abbraccio, sono avvolgente e porto caldo. :))

    RispondiElimina
  5. Non sembrano solo buonissimi, sono anche bellissimi da guardare!
    Anch'io sento la malinconia di fine-estate...

    RispondiElimina
  6. Cotti e contenti: ci può essere niente di meglio?

    RispondiElimina
  7. Che acquolina che mi fai venire Cobrizoooo!
    La ricetta sembra ottima, e mi cullo al pensiero delle coperte e degli scoiattolini! :-)

    RispondiElimina
  8. Elisabetta: sì. al momento col Bimby, che al momento fa egregiamente questo sporco lavoro. ;-)
    intanto sono riuscita a fare morire la mia pasta madre dopo anni, proprio quando stavo pensando di prendermi un mulino...

    RispondiElimina
  9. Daniela B.: in questo momento sono caduta in questa spirale gnocchesca, complice il mio bambino, che impazzisce per il genere!

    RispondiElimina
  10. Fastidiosa e Evelyne: baci da cip & ciop! ;-)

    grazie Eve per l'invito. molto carino. perdona se alla fine non riuscissi a coglierlo. (poco piacevoli le pagine dei libretti d'istruzione...)

    RispondiElimina
  11. Rossana: non ti mancano di certo! ...e poi anche tu puoi contare sull'aiuto di un'assistente che credo validissima! ;-)

    RispondiElimina
  12. Francesca: macro-gentile! ;-))

    RispondiElimina
  13. Sybille: io e Giacomo ci siamo prima davvero divertiti... poi il papà ha apprezzato molto!

    le foto fanno un po' schifetto, però! ;-)

    RispondiElimina
  14. a.o.: magia, quando riesce... ;-)

    RispondiElimina
  15. ma figurati, non c'è problema!! e poi sì, hai ragione, i libretti di istruzione non sono sempre divertenti... a meno che siano tradotti male!! :-)

    RispondiElimina